Cessazione

Tutto quello che c’è da sapere sulla cessazione

La chiusura contratto con disattivazione consiste nella disdetta del contratto con conseguente interruzione dell’erogazione del servizio. E’ possibile richiederla attraverso il form dedicato che puoi trovare all'interno tua Area Clienti oppure chiamando il nostro Servizio Clienti. La richiesta può essere inoltrata con un massimo di 15 giorni di anticipo dalla data di chiusura prevista. Per la chiusura di un contatore saranno addebitati, sulla bolletta finale, gli oneri amministrativi connessi e derivanti dalle operazioni tecniche eseguite per interrompere la somministrazione dalla società di distribuzione competente.

Se desideri mantenere il servizio attivo in accordo con il cliente entrante quest'ultimo potrà richiedere la voltura, che non comporterà alcun costo per te, in qualità di cliente uscente. Altrimenti potrai procedere con la chiusura contratto con disattivazione della fornitura, a pagamento, interrompendo l'erogazione del servizio.

Il contratto si intende effettivamente chiuso dalla data in cui viene volturato o dalla sospensione dell’erogazione del servizio eseguita dal distributore locale competente a seguito della disattivazione della fornitura. Successivamente verrà emessa l’ultima bolletta con il conteggio finale.

Se desideri cessare una fornitura temporanea (cantiere/manifestazione ecc…) contattaci direttamente al nostro Servizio Clienti.

La chiusura del contratto mediante disattivazione prevede un addebito, mentre se il contratto cessa a causa di una voltura ad un nuovo intestatario non è previsto alcun addebito per il cliente uscente.

Per chiudere il contratto e interrompere la fornitura bisogna pagare il costo di disattivazione del servizio.