Consumi e letture

Informazioni sui consumi e sulle letture

All'interno della tua bolletta gas puoi consultare i consumi che sono espressi in Standard metro cubo (Smc). Questa unità di misura esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo, a condizioni standard di temperatura (15 °C) e pressione (1,01325 bar, ovvero la pressione atmosferica). Dato che il contatore misura il consumo di gas alle condizioni atmosferiche locali, per ottenere il valore del consumo in Standard metri cubi devi moltiplicare quanto riportato dal tuo contatore per un coefficiente di conversione (C), che è stato definito per ogni località. Il “coefficiente (C) è il coefficiente che converte il consumo misurato dal contatore, espresso in metri cubi, nell’unità di misura utilizzata per la fatturazione, cioè gli Standard metri cubi. La conversione con il coefficiente di conversione (C) è necessaria per far sì che tutti i clienti paghino per l’effettiva quantità di gas consumata e standardizzata.

Disponiamo di diversi modi per comunicarci la tua lettura: scegli quella che più fa per te.

Scopri come comunicare l'autolettura dall'Area Clienti

Per comunicare online la lettura del tuo contatore di energia elettrica e gas accedi o registrati all'Area Clienti.
In home page seleziona la fornitura di tuo interesse ed inserisci l'autolettura. Ti ricordiamo che il servizio di inserimento dell'autolettura online non è disponibile per i clienti che hanno un contatore dell’energia elettrica telegestito*.

Che tipologia di contatore hai?
Per verificare se il tuo contatore è telegestito oppure non telegestito consulta la seconda pagina della bolletta (sotto la voce "La Tua Fornitura", Tipologia contatore). In alternativa puoi controllare nella sezione "Forniture" della tua Area Clienti.

  • se leggi Elettronico gestito per fasce o Elettronico monorario allora il tuo contatore è telegestito
  • se leggi Tradizionale allora il tuo contatore è non telegestito

* Nel caso in cui riscontrassi nella tua ultima bolletta la mancanza di letture rilevate automaticamente dal contatore, indicate in bolletta come "Rilevata", puoi contattare il nostro numero verde dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00 per comunicare un’autolettura direttamente ad un nostro consulente (opzione 2 del risponditore automatico). Ricordati che occorrerà comunicare i valori relativi alle tre fasce visualizzabili nel contatore come A1, A2, A3 dopo il messaggio “Periodo Attuale”.

 

Scopri come comunicare l'autolettura via SMS

 

Puoi comunicare l'autolettura gas dal tuo cellulare attraverso la nuova procedura d'invio e il nuovo numero: Invia un SMS al numero +39 339 9957 034 seguendo queste indicazioni:

  • 1. digita OK seguito da uno "spazio"
  • 2. digita il numero fornitura (indicato sulla prima pagina della bolletta)
  • 3. digita g
  • 4. digita i numeri presenti sul contatore gas (non considerare eventuali cifre decimali, in rosso sul display del contatore) esempio di SMS: OK 13748082g22222
  • 5. invia il messaggio al numero 3399957034
  • 6. riceverai un messaggio di risposta da A2A Energia, che ti notificherà l’esito della tua autolettura.

Scopri come comunicare l'autolettura chiamando il numero verde

Puoi comunicare l’autolettura chiamando il numero verde e comunicando il tuo numero di fornitura (indicato sulla prima pagina di ogni bolletta) attraverso il servizio automatico a disposizione 24 ore sul 24, 7 giorni su 7 (opzione 1) oppure ad un nostro consulente (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00)

Accedi o registrati all'Area Clienti per monitorare lo stato delle tue richieste. All'interno delle sezioni dedicate potrai sapere se l'invio della tua lettura è andato a buon fine.

L'autolettura è la misurazione dei consumi eseguita direttamente dai clienti in base ai dati rilevati dal proprio contatore di gas o luce.
La lettura e la successiva comunicazione dei consumi si deve fare entro un termine prestabilito, solitamente indicato nella fattura, che coincide con i giorni che precedono l'emissione della bolletta. Quando l'autolettura viene comunicata al di fuori del periodo di riferimento potrebbero essere presenti in fattura i consumi stimati e conguagli da pagare senza alcun preavviso.

Se la tua lettura non è corretta è probabile che il il sistema o il distributore scarti il dato in quanto non plausibile. Qualora invece la lettura errata sia stata validata dal distributore locale competente, dovrai contattare il Servizio Clienti tramite il form presente sul sito per la richiesta di informazioni, trasmettendo una foto del misuratore. Per la rettifica della tua lettura è inoltre possibile che venga fissato un appuntamento di verifica sul misuratore.

Per quanto riguarda l'energia elettrica, la maggior parte dei contatori è teleletta e di norma non è necessario fornire l'autolettura. Per quanto riguarda invece le forniture del gas naturale, all'interno della sezione "I miei consumi" è possibile consultare il paragrafo dedicato alla comunicazione dell'autolettura con le istruzioni e le tempistiche per fornire quest'ultima.

Se il tuo contatore teleletto non rileva le letture è probabile che vi siano temporanee indisponibilità tecniche. In attesa che il servizio venga ripristinato dal Distributore Locale competente puoi inviarci le tue letture reali.

Se la lettura di cambio fornitore è errata, puoi richiedere la verifica della lettura alla tua attuale società di vendita. Sarà poi cura del distributore locale competente provvedere all'eventuale correzione e ricalcolo dei consumi effettivi.

Puoi farlo in Area Clienti o direttamente dall'App, vai nella sezione dedicata.

Il tuo contatore misura il gas in Metri Cubi, quindi occorre trasformare questo valore in Standard Metro Cubo. L'operazione di calcolo per la misurazione del gas SMC è semplice e immediata: devi moltiplicare il consumo indicato dal contatore luce e gas per un coefficiente di conversione (C) che viene definito da ARERA in ogni zona geografica in base all'altitudine, il grado del giorno (GG) del Comune di riferimento e del numero di giorni di esercizio dell'impianto termico.

Ulteriore parametro importante correlato agli SMC e agli importi delle componenti tariffarie che devi tenere in considerazione è il Potere Calorifico Superiore (P o PCS). Viene espresso in Mj/SMC e indica il calore, ossia l'energia termica, che si sviluppa dalla combustione di uno standard metro cubo di gas. Più questo valore cresce, più il gas erogato ha un potere energetico elevato, quindi una migliore efficienza e, generalmente, anche un costo maggiore.

L'Autorità di Regolazione per Energia e Reti Ambiente (ARERA) al fine di uniformare la misurazione del consumo di gas ha introdotto l'obbligo di fatturare i consumi in bolletta gas Standard Metro Cubo (SMC), ossia a condizioni di esercizio standard. In questo modo ogni utente paga lo stesso prezzo per la stessa quantità di energia, indipendentemente dalla località di residenza. Leggendo la tua bolletta noterai che i consumi espressi per Standard Metro Cubo indicano la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di temperatura (15°C) e pressione (1,01325 bar, ovvero la pressione atmosferica).

Puoi trovare la potenza attuale e i tuoi consumi annuali di luce e gas all'interno della tua bolletta sotto la voce "La tua Fornitura".

Puoi chiedere una modifica di potenza in Area Clienti, nella sezione dedicata.

No, se sei in possesso di un contatore trifase non pagherai di più rispetto ad un modello monofase in quanto non vi è alcuna differenza di tariffa in base alla tipologia di contatore.

Puoi trovare la potenza attuale e i tuoi consumi annuali di luce e gas all'interno della tua bolletta sotto la voce "La tua Fornitura".

Sì, la modifica della quota di potenza del tuo contatore è un servizio il cui costo è stabilito periodicamente dalla ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti, ex AEEGSI) sia per il mercato libero che per il mercato tutelato.

Dopo aver concordato una data utile per effettuare il sopralluogo tecnico, aver accettato il preventivo e la spedizione via fax della ricevuta di pagamento, l'addetto tecnico provvederà ad eseguire lo spostamento del contatore e dell'impianto previo invio dell'autorizzazione scritta dell'amministratore dello stabile, indispensabile nei casi in cui si lavori su aree comuni.

Sì, ricevuto il preventivo puoi scegliere di non accettare la proposta senza alcun impegno.

Sì, lo spostamento del contatore è un intervento a pagamento stabilito durante la fase del sopralluogo tecnico a cui fa seguito una proposta di preventivo.

Sì, la sostituzione dei contatori gas è un servizio di competenza dell'ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti ex AEEGSI). Rivolgiti al Distributore locale più vicino alla tua zona per ricevere ulteriori informazioni cliccando qui.

Sì, il servizio di sostituzione del tuo contatore gas è completamente gratuito.

Si, la luce lampeggiante presente sul tuo contatore segnala che è attivo e c'è consumo di energia elettrica.

Se la luce è rossa è accesa cosa significa?
Nel caso in cui sul tuo contatore sia accesa la luce rossa fissa vuol dire che non c'è consumo di energia elettrica almeno da 20 minuti.

In caso di guasti al contatore o agli impianti contatta direttamente il numero di pronto intervento attivo 24 ore su 24. Puoi trovarlo nella prima pagina della tua bolletta o visitando il sito dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

In caso di guasti al contatore o agli impianti contatta direttamente il numero di pronto intervento attivo 24 ore su 24. Puoi trovarlo nella prima pagina della tua bolletta o visitando il sito dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Per richiedere il duplicato della chiave del tuo contatore gas contattaci attraverso le modalità che preferisci: puoi recarti direttamente presso il nostro sportello più vicino a te o chiamando il numero di servizio clienti. Ti basterà comunicarci i tre numeri presenti sulla serratura della valvola del tuo contatore. In seguito penseremo noi a fissare un appuntamento con il Distributore locale per consegnarti il duplicato della chiave.

I contatori della luce possono essere di due tipologie: tradizionali o digitali.

Contatore luce tradizionale come riconoscerlo

Il contatore tradizionale è un contatore non elettronico che non è in grado di misurare l’energia né per singole fasce né per ora. In questo tipo di contatore, la lettura è leggibile direttamente dal numeratore meccanico, presente all’interno del quadrante. La tipologia del tuo contatore è indicata nella seconda pagina della bolletta.

Contatore luce digitale: come riconoscerlo

Il contatore elettronico è un contatore digitale che fornisce maggiori informazioni sulla tua fornitura ed è in grado di misurare l’energia per singole fasce orarie F1, F2 e F3. La tipologia del tuo contatore è indicata nella seconda pagina della bolletta.

I contatori a gas possono essere di due tipologie: analogici o digitali. Rivolgiti al tuo Distributore Locale.

Contatore a gas analogico: come riconoscerlo

Il contatore a gas analogico è caratterizzato da due camere interne la cui variazione di gas permette di valutare il consumo in bolletta di gas che vedrai indicato su un quadrante meccanico, con numeri che girano a seconda del valore dei consumi.

Contatore a gas digitale: come riconoscerlo

A differenza del modello di contatore a gas analogico, quello digitale ti permette di avere una maggiore quantità di informazioni sulla fornitura del gas e non solo grazie alla presenza del display. Potrai infatti visualizzare il codice PDR, il codice cliente, la portata massima, lo stato della valvola e la presenza di eventuali problemi che possono inficiare sul corretto funzionamento del contatore.