Contatti
800 1234 567

Attivazione o voltura

Vuoi intestare a tuo nome un contratto di energia elettrica o gas attualmente intestato ad un' altra persona o precedentemente disdettato?


Scegli come presentare la richiesta, leggi le istruzioni e i documenti necessari


 

Consulta la pagina dei contatti per trovare lo sportello più vicino a te.

 

Se ti presenti in uno dei nostri sportelli per effettuare la richiesta sono necessari i seguenti documenti:

  • un documento di identità
  • una delega scritta se l’intestatario non può presentarsi personalmente 
  • nel caso di società copia certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. (validità 6 mesi), in alternativa è possibile sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva di certificazione,  disponibile anche presso i nostri sportelli.
  • numero di identificativo del punto di fornitura rilasciato dal tecnico preventivista al costruttore/committente
  • indirizzo di fornitura

Titolarità:

  • il titolo in base al quale si occupa l’immobile per il quale si richiede la fornitura (Proprietà, Locazione, Usufrutto, ecc.)

Dati catastali: 

Al momento della stipula del contratto di fornitura di energia elettrica e/o del gas ai fini dell'applicazione delle disposizioni previste dall'Agenzia delle entrate con provvedimento del 16 marzo 2005 per gli immobili urbani  e per i comuni in cui vige il sistema tavolare sono necessario anche i seguenti dati:

  • sezione urbana, se presente - 3 caratteri alfanumerici;
  • foglio - 4 caratteri alfanumerici;
  • particella (o mappale o numero) - 10 caratteri alfanumerici, compreso il carattere (5 caratteri per il numeratore, carattere/ separatore a 4 caratteri per il denominatore)
  • subalterno, se presente - 4 caratteri alfanumerici.

Per la fornitura di gas:

  • matricola contatore gas o in alternativa il numero identificativo del punto di fornitura (PDR) presente sulla bolletta del vecchio intestatario,
  • lettura contatore gas (solo cifre nere),
  • uso (domestico o altri usi),
  • apparecchi a gas utilizzati (cucina, scaldabagno, caldaia…)

Per la fornitura di energia elettrica:

  • matricola contatore elettricità o in alternativa il numero identificativo del punto di fornitura (POD) presente su bolletta del vecchio intestatario,
  • potenza richiesta (KW 3 – 4,5 – 6 – 10…),
  • lettura contatore. Devi comunicare la lettura del contatote solo se hai un CONTATORE TRADIZIONALE NON TELEGESTITO

 

 

 

Consulta la pagina dei contatti per trovare il tuo numero verde di riferimento.

 

Prima di chiamare il numero verde per effettuare la richiesta procurati i seguenti dati:

  • nome e cognome o ragione sociale dell’intestatario del contratto
  • codice fiscale e/o partita IVA dell’intestatario del contratto
  • indirizzo di residenza/sede legale della società
  • recapito dove inviare le bollette
  • recapito telefonico
  • e-mail (non obbligatoria)
  • fax (non obbligatorio)
  • indirizzo di fornitura
  • il titolo in base al quale si occupa l’immobile per il quale si richiede la fornitura (Proprietà, Locazione, Usufrutto, ecc.)

Dati catastali: 

Al momento della stipula del contratto di fornitura di energia elettrica e/o del gas ai fini dell'applicazione delle disposizioni previste dall'Agenzia delle entrate con provvedimento del 16 marzo 2005 per gli immobili urbani  e per i comuni in cui vige il sistema tavolare sono necessario anche i seguenti dati:

  • comune amministrativo - dizione in chiaro;
  • comune catastale - dizione in chiaro - se diverso dal comune amministrativo;
  • codice comune catastale - 5 caratteri alfanumerici;
  • sezione urbana, se presente - 3 caratteri alfanumerici;
  • foglio - 4 caratteri alfanumerici;
  • particella (o mappale o numero) - 10 caratteri alfanumerici, compreso il carattere (5 caratteri per il numeratore, carattere/ separatore a 4 caratteri per il denominatore)
  • subalterno, se presente - 4 caratteri alfanumerici.

Per la fornitura di gas:

  • matricola contatore gas o in alternativa il numero identificativo del punto di fornitura (PDR) presente sulla bolletta del vecchio intestatario,
  • lettura contatore gas (solo cifre nere),
  • uso (domestico o altri usi),
  • apparecchi a gas utilizzati (cucina, scaldabagno, caldaia…)

Per la fornitura di energia elettrica:

  • matricola contatore elettricità o in alternativa il numero identificativo del punto di fornitura (POD) presente su bolletta del vecchio intestatario,
  • potenza richiesta (KW 3 – 4,5 – 6 – 10…),
  • lettura contatore. Devi comunicare la lettura del contatote solo se hai un CONTATORE TRADIZIONALE NON TELEGESTITO

 

 

Per richieste di voltura "mortis causa" e per nuove attivazioni è necessario contattare il nostro numero verde o recarsi ai nostri sportelli.

Per richieste di modifica intestazione fornitura (voltura) compila il form online.

 

Prima di collegarti al servizio online, procurati i dati:


Al momento della stipula del contratto di fornitura di energia elettrica e/o del gas ai fini dell'applicazione delle disposizioni previste dall'Agenzia delle entrate con provvedimento del 16 marzo 2005 per gli immobili urbani  e per i comuni in cui vige il sistema tavolare sono necessari anche i seguenti dati catastali:

  • sezione urbana, se presente - 3 caratteri alfanumerici;
  • foglio - 4 caratteri alfanumerici;
  • particella (o mappale o numero) - 10 caratteri alfanumerici, compreso il carattere (5 caratteri per il numeratore, carattere/ separatore a 4 caratteri per il denominatore)
  • subalterno, se presente - 4 caratteri alfanumerici

Titolarità:

il titolo in base al quale si occupa l’immobile per il quale si richiede la fornitura (Proprietà, Locazione, Usufrutto, ecc.)

definizioni:

  • Proprietà: I locali oggetto di fornitura sono di proprietà della persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome

  • Locazione: I locali oggetto di fornitura risultano attualmente concessi in locazione alla persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome

  • Usufrutto: La persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome gode dell’usufrutto dei locali oggetto di fornitura (ad esempio, a seguito di cessione a terzi della nuda proprietà)

  • Comodato d’uso: La persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome dispone dei locali oggetto di fornitura in virtù di comodato d’uso

  • Diritto di superficie: Il punto di fornitura e/o di riconsegna oggetto di somministrazione è nella disponibilità della persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome, in virtù di diritto di superficie ex artt. 952 e ss. cod. civ.

  • Assegnazione casa familiare: La persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome ha diritto alla fruizione dei locali oggetto di fornitura in forza di provvedimento giudiziale assunto in sede di separazione tra coniugi o di cessazione effetti civili del matrimonio

  • Diritto d’uso e diritto di abitazione: La persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome ha diritto ad utilizzare o ad abitare i locali oggetto di fornitura in virtù di costituzione dei diritti previsti dagli articoli 1021 e 1022 cod. civ. (ad esempio, in qualità di erede del proprietario dei locali)

  • Diritto di detenzione: I locali oggetto di fornitura sono di proprietà del coniuge o del genitore della persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome.

 

 

Pagamento

L'importo dovuto per le spese del contratto, di norma, viene addebitato sulla prima bolletta utile.

 

Chiudi    X